15.7.06

MANI PULITE





Italia dei Valori, partito degli italiani che vogliono lottare contro le ruberie, contro gli schifi della politica, per i valori che i politici non conoscono e non percepiscono più: il partito di Andrea Buquicchio e di Raffaele Petrarulo.... PER DINDIRINDINA!!!

Non mi inoltro ulteriormente sul quasi 56enne, che ha troppe gatte da pelare e si è incasinato con le sue mani come un bimbo un po' troppo biricchino.
Il secondo, che forse non tutti conoscono, è Capogruppo al Consiglio Provinciale di Torino (ovvero l'unico!) e tiene per le palle l'assessore IDV Bugnano, minacciando di passare all'altro partito della pasta asciutta e lasciandola così senza CADREGA (lei giustamente è già grande e vaccinata per mandare a stendere "Il Petrarulo" - così lo chiamano gli amici). Inoltre, dimenticavo, è anche consigliere alla VI Circoscrizione del Comune di Torino.
Ebbene, ieri sera mi ha chiamato al telefono chiedendomi l'appoggio, nei confornti dei Big di Roma e Milano, per far dimettere "Il Buquicchio" al Comune di Torino così da poter andarci lui, in quanto arrivato secondo ed in quanto "Il Chiamparino" c'è l'ha a morte con "Il Buquicchio". L'idea non sarebbe malvagia se...
... se lui non avesse affermato in una riunione pre-elettorale di aver già firmato un documento secondo cui si candidava solo per verificare il suo peso politico con gli elettori, ma ad ogni modo non sarebbe mai andato al Comune. Inoltre, lui non si dimetterebbe da consigliere provinciale (perchè altrimenti andrebbe "Il Pizzale" ex-consigliere regionale IDV che se n'è andato perchè qua c'era un ambiente bellissimo e lui voleva di peggio), ma solo da consigliere circoscrizionale perchè previsto dalla legge (almeno questo).
Quindi da accordi pre-elettorali "Il Buquicchio" e "Il Petrarulo" si dovrebbero dimettere perchè già ricoprono cariche (il primo è disposto a farlo mentre il secondo no), e lasciare spazio a chi viene dopo, ovvero "Il Barbieri" un ragazzo di 26 anni che ha avuto l'appoggio del GIV per la sua campagna elettorale arrivando così terzo. Ma "al Petrarulo" questo non va bene perchè solo lui sarebbe in grado di risolvere il litigio col Chiampa e non "Il Barbieri" (Petra mavva... a leggerti l'articolo "Il Provinciale" in questo sito http://www.mondointasca.org/dossier/?articleID=865)

CONCLUDO: non mi interessa alcunchè delle vostre poltrone, mi interessa solo che il 56enne non tenga più le redini dell'IDV in Piemonte perchè lo ritengo incompetente a fare ciò. Perchè una cosa e promettere poltrone, gestire eletti leccaculo, e un'altra è avere nel partito iscritti che non sono eletti e non hanno parenti, datori di lavoro o simili con le mani nella marmellata. Vorrei capire su quali basi c'è una tale stima verso questo signore per consentirgli di fare tutto questo schifo... a meno che l'Italia dei Valori sia una lista civetta finanziata da Silvio Berlusconi!

Se possibile portatemi arance rosse siciliane, le mie preferite, e se avete bisogno di conoscere una persona matura, intelligente e corretta vi presento mio nipote di 4 anni. Baci

P.S.: se volete fare commenti abbiate la correttezza di mettere il vostro nome e cognome, grazie!

1 Comments:

Anonymous Marco D'Acri said...

Il Petrarulo (...già tristemente conosciuto dai lettori del blog...guardate nell'archivio il post a lui dedicato...) colpisce ancora. A Torino la situazione è tristissima. Eletti che lasciano il partito per nuovi cartelli elettorali con ex forzisti, consiglieri che reclamano tute e poltrone (...e bbbravo il Petrarulo...l'avvoltoio...cosa non si fa per la cadrega...), coordinatori che per protestare con la maggioranza citano il fascismo (...ma come non abbiamo protestato contro chi ci dava dei comunisti perchè parte dell'Unione?)... Sembra che qualcuno stia facendo di tutto per disilludere chi crede(va) nell'Italia dei Valori, almeno a Torino. Se qualcuno da Roma è in ascolto batta un colpo... Tonino Di Pietro, salvaci tu! Questa è tutta gente eletta grazie alla tua immagine! Difendila e difendici!

16/7/06 11:22  

Posta un commento

<< Home