30.12.06

Corso Della Grande Corruzione n.17

Recentemente i mezzi di informazione hanno portato alle luce il caso del Comune di Sigonella.
E' emersa la possibilità di dedicare al noto ex presidente del Consiglio dei Ministri Bettino Craxi il nome di una via.
Questa non l'unica richiesta. In altre città è già emersa una proposta simile.
Con questo articolo vorrei contestare l'atteggiamento e l'arroganza di alcuni soggetti che hanno intenzione di falsificare la realtà ed emergere la menzogna a verità.
Non credo che un cittadino onesto si senta appagato da una scelta simile.
Penso a chi paga le tasse, compie sacrifici enormi per i propri figli , lavora sodo, non ha vizi se non quello della televisione, sogna per il proprio futuro ecc.
Rifletto sul fatto che una persona che ha avuto tre condanne penali definitive per un totale di circa dieci anni, che ha dissanguato le casse dello stato, che ha corrotto il sistema economico e politico, che ha accumulato capitali in Svizzera, Singapore, San Marino e che ha posseduto patrimoni immobiliari in Francia, Tunisia e non so cosa d'altro e non so dove.
Penso al fatto che vengono dedicate vie a Falcone, Borsellino, Calipari, Madre Teresa di Calcutta, tutti personaggi che per i loro meriti vengono adesso equiparati a Craxi.
Infine guardo ai giovani, come noi, che mai come oggi sono precari, disoccupati o che desiderano un'occupazione adeguata ai loro studi, che cercano di risparmiare per comprare una casa entrando nella morsa dell'indebitamento trentennale, che cercano di avere una famiglia nonostante l'alto costo della vita e dei beni essenziali.
Tutto questo avviene mentre i figli del signor Craxi hanno una vita più che agiata e siedono al parlamento ben protetti.
Penso alla profonda amarezza che prova la gente comune che vorrebbe una legalità più profonda, una certezza della pena, una giustizia più veloce ed alla tristezza di tutti gli uomini coraggiosi e impegnati nelle diverse forze di polizia che lottano ogni giorno affinchè le organizzazioni criminali siano stroncate.
Immagino la delusione di chi organizza le petizioni per espellere dall'attività politica ed amministrativa i corrotti o chi è già stato condannato con sentenza definitiva per reati gravi o contro la publica amministrazione.
La dedica della via a un personaggio losco come Craxi è un pessimo esempio per i giovani ed è uno schiaffo ed un'umiliazione per tutti i cittadini onesti che sono ancora la maggioranza del nostro paese. E' l'ennesima vergogna che dobbiamo subire.
Dove si arriverà un giorno? Spero solo che un giorno il mio prossimo figlio non debba aprire una cartina stradale per cercare Piazza della Mafia.
Rebecchi Lorenzo

1 Comments:

Anonymous Marco D'Acri said...

caro Lorenzo, temo che tra qualche anno saremo invasi da corsi Giulio Andreotti... mamma mia...

2/1/07 14:53  

Posta un commento

<< Home